Il Sistema solare

Il sistema solare

Le origini

Si pensa che il sistema solare e i pianeti si siano formati da una nebulosa di gas interstellari circa 4,6
miliardi di anni fa. Questa deduzione ha un appoggio anche da alcune delle regolarità dei pianeti ì,
infatti tutti ruotano attorno al Sole e ruotano su loro stessi nello stesso verso (eccetto Venere ed
Sistema_solare_2006Urano). L’origine ha avuto inizio 5miliardi di anni fa, quando al centro della freddissima nebulosa è aumentata la pressione e la temperatura (il Sole stava nascendo). In pochi milioni di anni la temperatura della zona è aumentata e si è formato il proto-Sole, il proto-sole ha causato un aumento della velocità di rotazione (e quindi della forza centrifuga) che ha causato l’appiattimento della nube. Nelle fasi finali una folata di vento solare ha spinto tutti gli elementi leggeri (elio e idrogeno sopratutto) nelle fasce più esterne. Nel frattempo il proto-sole stava diventando Sole e attorno ad esso si cominciavano a formare i proto-pianeti grazie alle collisioni degli oggetti rimasti nella fascia interna.

I componenti

Il sistema solare si divide in due zone principali: il sistema solare interno e il sistema solare
esterno. Nel sistema solare interno si trovano i pianeti Mercurio, Venere, Terra e Marte insieme alla fascia degli asteroidi. Tra questi pianeti quello che conosciamo meglio è la Terra, il terzo in ordine di stanza dal Sole. La Terra è l’unico pianeta del sistema solare che ospita la vita, infatti è l’unico ad avere una vera e propria atmosfera, è anche l’unico pianeta che possiede un satellite naturale (assieme a migliaia di satelliti artificiali). Marte è l’ultimo pianeta della zona interna, fino a pochi anni fa si credeva che ospitasse forme di vita intelligenti a causa di una traduzione errata di un resoconto di un astronomo. Infatti l’astronomo aveva scritto nel resoconto dell’osservazione del pianeta Marte della presenza di alcuni canali, intendeva però canali naturali, scavati dall’acqua che si trovava su Marte alcuni milioni di anni fa, un giornalista statunitense per pubblicare il resoconto lo tradusse pensando però che i canali fossero artificiali. L’astronomo non appena seppe dell’errata traduzione fece di tutto per far capire che non c’erano forme di vita intelligenti, ma nel frattempo Hollywood aveva già prodotto alcuni film e documentari sugli alieni, e tutti al mondo pensavano della loro esistenza, un caso importante derivato dalla cattiva traduzione è quello accaduto sempre negli USA per uno scherzo radiofonico dove dei falsi cronisti fingevano che gli alieni stessero attaccando New York (città dove abitava il giornalista che tradusse l’articolo) perché non volevano che la Terra sapesse di qu este loro capacità, la popolazione credette che le cose dette fossero vere e in tutti gli USA si creò il panico, il livello raggiunse il picco dopo 3 giorni dalla trasmissione, quando l’esercito statunitense fu costretto ad intervenire.

io

Nella fascia esterna si trovano i pianeti gioviani (o gassosi) assieme alla fascia delle comete. I pianeti gioviani a differenza dei pianeti terrestri sono gassosi (non solidi), il più grande di loro è Giove, la sua massa è pari a 2,5 volte la massa di tutti gli altri pianeti messi insieme, ha 63 satelliti naturali, alcuni sono più grandi della Terra e hanno fenomeni di vulcanismo, il più famoso di questi è il satellite IO (nella foto), i cui fenomeni vulcanici sono ben visibili dallo spazio. Il più conosciuto è però Saturno, con i suoi caratteristici anelli.

Per maggiori informazioni visita la pagina della NASA dedicata al sistema solare (questa).

Precedente Hacker e pirata informatico, la differenza? Successivo Reazioni chimiche casalinghe

Lascia un commento